domenica 4 settembre 2016

La festa di Santa Rosa a Viterbo




 Santa Rosa è la patrona di Viterbo, 


è una bambina quando  professa apertamente la pace girando per le vie della città di Viterbo, con il Crocifisso e con altri segni di pietà. Questo suo modo di predicare, in un tempo in cui imperversano aspre lotte fra opposte fazioni politiche, divide gli animi dei cittadini,così l’Imperatore decide di bandirla con tutta la sua famiglia. A causa di una rarissima malformazione ( era nata senza lo sterno) muore all'età di 18 anni.
Viene sepolta nella nuda terra del cimitero della sua parrocchia di Santa Maria in Poggio detta oggi Crocetta. Da quel giorno sono stati molti e continui i miracoli ottenuti dai fedeli che si sono recati sulla sua tomba per pregare.
Guarigioni da cecità, da cadute, da malattie gravi. Nel 1252, dopo circa 18 mesi dalla Sua morte, visto il notevole afflusso di gente sulla sua povera tomba ed il clamore sempre più crescente per i prodigi ed i miracoli ottenuti dai fedeli, le Autorità Cittadine ed il Clero chiedono al Papa Innocenzo IV di promuovere il processo di canonizzazione di Rosa.
Il corpo della giovane viene chiuso in una preziosa urna con un’anta apribile in modo tale che i fedeli possano baciare la sua mano. Nel 1357 a causa di una candela caduta, scoppia un incendio all’interno della cappella dove è custodita la giovane.
L’urna viene completamente consumata dalle fiamme, come pure le vesti di Rosa e tutti i documenti e gli ornamenti che sono lì conservati, ma il suo Corpo rimane assolutamente indenne, solo annerito. 
 Dopo più di 750 anni dalla Sua morte, recandosi nel bellissimo Santuario dedicato a Santa Rosa, è possibile vederla, perché il suo prezioso Corpo, custodito con amorevole cura dalle suore del Monastero è tutt’ora incorrotto.

Il primo trasporto della "macchina di Santa Rosa, avvenne nel 1258 e poi con il passare dei secoli il baldacchino con la santa sopra si è trasformato nei capolavori che ora vi mostrerò.


 Quella di quest'anno si chiama GLORIA 
e penso che sia la più bella che io abbia mai visto, nei miei 15 anni a Viterbo!


 Ecco da chi è trasportata! 
Sono i facchini di Santa Rosa; è un onore per gli uomini di Viterbo fare parte dei FACCHINI. Sono 113 i facchini che stanno sotto la macchina e trasportano un baldacchino alto 36 metri e pesante 50 quintali!
Prima dell'inizio del trasporto, i facchini vengono benedetti dal Vescovo 
e ricevono la benedizione " in articulo mortis".

 
(informazioni e immagini prese dal web)
 E' una festa veramente sentita dai Viterbesi ed fa parte del patrimonio culturale mondiale dell' Unesco.
 Il prossimo 3 settembre venite a Viterbo, vale la pena!

3 commenti:

  1. Deve essere molto emozionante assistervi.
    Stefy

    RispondiElimina
  2. bellissimo ed interessnate questo post.
    peccato che sono molto distante da li, ma grazie a te ho visto :-)

    p.s.: ma hai cambiato look del blog, mi pare diverso....

    RispondiElimina
  3. Un vero peccato essere lontana, deve essere bellissimo!

    RispondiElimina