venerdì 4 marzo 2016

L' 8 marzo? Ma che festa!


foto di Jacqueline.fr

Ormai lo abbiamo detto e ridetto che le donne vanno festeggiate sempre, 
durante tutto l'anno, non solo l'8 marzo, 
diciamocelo pure che questa giornata è stata commercializzata, 
che è la festa per i fiorai e per i venditori di cioccolatini

invece noi donne dobbiamo essere valorizzate sempre, non solo perchè donne, 
ma perchè essere umani con un cuore, una sensibilità e un'intelligenza 
non meno degli uomini. 
Inevitabilmente il mio pensiero va a tutte quelle donne che hanno subito violenza, 
fisica o psichica, che non vengono considerate, che vengono derise e persino
perseguite per un ruolo che giustamente vogliono e che gli viene negato.
Perciò mi chiedo: ma l'8 marzo che festa è?
E' la Giornata Internazionale della Donna,
dedicata al riconoscimento delle lotte che sono state portate avanti dalle donne  
e alle loro conquiste sul piano dei diritti, dell'economia,
 della politica contro le discriminazioni e le violenze di cui, ancora oggi, sono vittime in molte parti del mondo, senza escludere la nostra bella Italia.
Ma allora penso che un modo degno per festeggiare questa giornata
 sia fare qualcosa per noi.
Il non plus ultra sarebbe non andare a lavorare per un giorno ( sogno? eh, eh ,eh...)
così da poter iniziare dal mattino la nostra giornata.
Colazione con calma, coccolandoci un po' con quello che più ci piace, 
senza stare a pensare alla dieta, 
Terme o qualsiasi spa abbiate nelle vicinanze, insieme all'amica del cuore,
Pranzo leggero poi parrucchiera e estetista
(si lo so che costano un botto, ma per una volta, si può,certo che si può).
Infine, e secondo me questo è un vero regalo,
il maritino o il fidanzato prepara la cena

 Cucinare per la festa della donna 
Vi lascio qualche ricetta da "regalare" ai vostri signori uomini:
Tartine Mimosa
Ingredienti:
8 fette di pan carrè
2 pomodori
maionese
3 uova sode
burro
sale 
Tempo di cottura: 6/7 minuti per le uova
Preparazione:
Imburrate le fette di pancarrè e stendete un po' di maionese.
Tagliate i pomodori in 8 rondelle e cadagiate sul pane e condite con sale 
aggiungete la chiara delle uova e il tuorlo sbriciolato
a mo' di mimosa
Molto semplice ma vi assicuro di grande effetto ottico.

Risotto con fiori di zucca, prosciutto e zafferano
per 2 persone
175 gr. di riso
2 mazzetti di fiori di zucca 
2 fette di prosciutto crudo tagliate belle spesse
1 bustina di zafferano
burro, parmigiano
olio e sale
Tempo di cottura: circa 20 minuti
Preparazione:
Lavate i fiori di zucca, tagliateli a striscioline e fateli asciugare.
Mettete a cuocere in un tegame ampio il prosciutto tagliato a dadini,
nell'olio d'oliva e, quando è cotto, aggiungete i fiori di zucca.
Nel frattempo mettete a bollire dell'acqua che servirà per la cottura del riso
non uso mai il dado perchè contiene il glutammato e fa male,
aggiungete il sale necessario, fate attenzione però perchè il prosciutto
 è già bello saporito. Versate il riso nel tegame con il prosciutto e
i fiori di zucca e fatelo cuocere aggiungendo l'acqua bollente
un poco alla volta. 
Quando è quasi pronto aggiungete la bustina di zafferano
e se volete del burro e parmigiano.
Servite ben caldo.
Adesso, care amiche, vi lascio con una frase detta da una Signora
Rita Levi Montalcini
che nella sua lunga vita ne ha fatte di cose importanti!

Ciao a presto
Sara


3 commenti:

  1. Cara Sara, sono sempre stato contrario a quei giorni che si festeggia una volta all'anno, sia il giorno della mamma, che dovrebbe essere ogni giorno!!! se poi parliamo della festa degli innamorati!!! ogni giorno si dovrebbe essere innamorati!!! ora arriviamo alla festa della donna 8 marzo, lo ripeto ogni giorno tutti dovrebbero festeggiare le care donne!!!
    Ciao e buona serata cara Sara.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Per cominciare leverei il termine "festa", da sostituire appunto con "Giornata della Donna".
    L'8 marzo dovrebbe offrire lo spunto per una riflessione sulle condizioni delle donne del mondo....altro che andare a vedere gli spogliarelli maschili!
    Deliziose le tue ricettine, ne prenderò spunto.
    Per quanto riguarda il maritino che prepara la cena...è sempre stato e sempre sarà un sogno per me! :)

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post!! Anch'io penso che le donne dovrebbero essere considerate sempre, ogni giorno. La festa della donna dovrebbe servire per farci riflettere ma anche per rendere concrete tali riflessioni!
    Un abbraccio...a proposito ho votato questo post in Top of The Post: http://weddingplannerinbrianza.blogspot.it/2016/03/top-of-post.html

    RispondiElimina