domenica 27 ottobre 2013

Blogpal + Swap di ottobre: ultima parte!

Care amiche oggi voglio descrivervi come Laura del blog DIRE,FARE,SCRAP ed io abbiamo pensato di terminare il Blogpal di Ottobre QUI:  
Scrivendo un post sul Natale. 
Probabilmente è un po' presto considerando che siamo ad ottobre, ma ho visto sul web che molte amiche già hanno iniziato a creare per questa "magica" festa.
 Eppoi io voglio parlarvi del Natale in un posto lontano da qui, 
in Australia!
Mi piacerebbe tanto passare il Natale in Australia,con tutta la mia famiglia, però. Perciò so che è impossibile e allora...
SOGNO!
Conosco persone, amici e parenti, che hanno avuto la fortuna di vivere un Natale a testa in giù, in Australia e dicono che è un'esperienza diversa dal solito.
Le tradizioni natalizie ricalcano fedelmente quelle anglosassoni, nonostante sia passato un bel po' di tempo da quando James Cook scoprì e colonizzò  l'Australia.
La particolarità del Natale in Australia è che cade in un periodo caldo, essendo l'Australia nell'emisfero sud del globo e perciò quando le scuole sono chiuse. La maggiorparte degli australiani trascorre il Natale in vacanza, ma sempre in famiglia, sia in campeggio, sulla spiaggia o in città. Perciò non sciarpe e cappotti e cappelli ma shorts, bermuda, bikini , t-shirts.Ma nonostante ciò, la tradizione vuole anche in capo al mondo lo scambio dei regali,
Chrissie presies!
Il pranzo di Natale è ricco e sostanzioso, nonostante possa essere consumato in spiaggia con un caldo infernale. L'unica variante al Natale anglosassone è la macedonia di frutta, che chiude in bellezza il pranzo di Natale. Il dolce di Natale per eccellenza è il Pudding, preparato secondo la tradizione mescolando a turno l’impasto e affidandogli a turno uno speciale desiderio. Spesso vi si nasconde dentro una fede d’argento, come garanzia di felicità coniugale, e una carta da gioco o una monetina, come simbolo di fortuna e ricchezza. 
Un altro dolce tipico australiano per il Natale è la Paylova, cucinata con fragole, frutto della passione 
e panna montata.
In spiaggia può capitare di vedere arrivare un Babbo Natale in costume, su un surf con un sacco carico di doni
Per le decorazioni si utilizzano mazzi di "Christmas Bush", un albero di natale australiano con piccole foglie verdi e fiori rossi.

Le decorazioni possono includere immagini poco consoni al Natale come i canguri e koala con il cappello di Santa Klaus o le sciarpe rosse! 
Anche le cartoline natalizie riflettono le stesse contraddizioni che vanno dal tradizionale natale vittoriano alle immagini di un Babbo natale estivo! 
Una speciale tradizione iniziata nel 1937, a Melbourne, sono i Carols by Candlelight” (o Canti al lume di candela) che si svolgono alla vigilia di Natale e coinvolgono migliaia di persone. Si stendono coperte in terra e si canta tutti insieme i canti di natale, accompagnati dalla danza della luce delle candele. 

Ovviamente anche i canti natalizi sono “australianizzati non si canta, infatti, Bianco Natale, ma “Santa va al Polo Sud” o ancora “Australiani facciamo il barbecue”…
Che dire, care amiche, ci piace più un Bianco Natale o un Caldo Natale?
Ma ripensandoci...
la curiosità e la voglia di nuove esperienze è tanta, 
ma credo che un bianco Natale sia il Natale per me! 



 L'idea di questa ghirlanda l'ho avuta leggendo un post del blog Cosmesi,Bio e Natura

E per finire il Blogpal + Swap di ottobre, ho già spedito il mio regalo per Laura, ma non vi dico niente a riguardo, vi mostro solo il pacchetto.
 Cara Laura, spero che ti piaccia!

Sara

17 commenti:

  1. bellissimo il tuo post mi hai fatto sognare un bel viaggio in posti mai visitati se non per le immagini o le notizie ... il Natale australiano sembrerà una sorta di ferragosto italiano ... ovvio senza i Babbi... credo però mi piaccia più il nostro magico bianco Natale che a volte è senza neve anche qua ...
    bella la tua ghirlanda in bianco ... un regalo è sempre sicuramente ben accetto ...hai visto mai che lo rispedisca al mittente ??? :)) buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giusi fa bene sognare! Spero che non me lo rispedisca al mittente(ah!ah!ah!).
      Grazie per il commento ciao a presto.
      Sara

      Elimina
  2. Ciao Sara condivido in pieno il tuo pensiero anche per me Natale è sinonimo di neve, scalet di montagna, decorazioni tipiche con pino e pigne e canti tradizionali.....
    Il mio sogno nel cassetto è poter un giorno passare un Natale in Scandinavia credo che li le atmosfere natalizie siano magiche
    Buona domenica
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso priprio di si più ci avviciniamo al polo nord più ci addentriamo in atmosfere magiche. Devo dire che anche a me piacerebbe, anche solo per fare una nuova esperienza.
      Grazie per il commento cara Anna, mi fa tanto piacere parlare con una nuova amica.
      Baci
      Sara

      Elimina
  3. chissà che strano farebbe, fare natale al caldo..anche per me e per il mio ragazzo resta un bel sogno da realizzare..^_^.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà che non lo possiate realizzare! Mai dire mai!
      Ciao a presto
      sara

      Elimina
  4. Ci hai fatto viaggiare Sara ,in posti che almeno per quanto mi riguarda , rimangono nel baule dei sogni . E' sempre interessante e utile conoscere nuove culture e tradizioni. Però ,cosa posso dirti ,per me il Natale in bikini , non è Natale ; io lo associo proprio al freddo , alla neve che scende silenziosa , alla cioccolata calda... ..magiche atmosfere . Un bacione grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi siamo abituati a questo tipo di Natale e a me sembra proprio più adatto a festeggiare la nascita di Gesù. Non ce lo vedo proprio in una capanna al caldo, e ripeto io adoro il nostro Natale.
      Grazie per aver lasciato la tua opinione.
      Un abbraccio
      Sara

      Elimina
  5. Ma che bello il tuo racconto Sara! Non avevo mai pensato al Natale a testa in giu' in Australia ma grazie ad alcuni film mi e' capitato di vedere il Natale a Los angeles che presumo sia altrettanto caldo!

    Hai fatto bene a raccontarci questo Natale alternativo e chissa che in tempi migliori non ci ritroveremo li a festeggiare insieme! anche a me e' concesso sognare, no?

    Un bacione, Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo a tutti è concesso sognare! La speranza non ce la può togliere nessuno. Sono davvero contenta che il mio racconto ti sia piaciuto eun bacione a presto!
      Sara

      Elimina
  6. beh certo che è davvero lontana l Australia ma è bello ed interessante questo post che mi ha fatto immaginare quel luogo e le loro usanze. bella anche la tua ghirlanda! ciao Sara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fiore sono contenta sapere che piace. Un bacione a presto,cara amica!
      Sara

      Elimina
  7. E' sempre bello fantasticare sul Natale, anche se a testa in giù!
    Non ci avevo mai pensato ad un Natale al caldo.. sarà che io sono per la neve a Natale.. Non vedo l'ora che arrivi il tuo pacchettino!
    E non vedo l'ora che ti arrivi il mio pacchettino!!
    Un bacione Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara laura grazie! Adesso che la nostra avventura è finita spero tanto che possiamo rimanere in contatto.
      Un abbraccio
      Sara

      Elimina
  8. Che strano un Natale al caldo^^ non riesco proprio ad immaginarlo ma mi piacerebbe provare, chissà, un giorno magari... Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io spero che un giorno potrò vivere questa esperienza. Grazie cara Dyl per aver commentato.
      Baci
      sara

      Elimina
  9. Stranissimo pensare al Natale senza neve... ma bisognerebbe provare!!!
    Fantasy Jewellery

    RispondiElimina