sabato 7 settembre 2013

I mitici anni '60

Care amiche, 
eccoci di nuovo all'appuntamento del sabato con la rubrica "Lo sapevi che...?". 


Ricordo a tutti che questa è una rubrica quindicinale che viene pubblicata il sabato.

Prima del riposo estivo,vi ho parlato dei "fantastici fifties", gli anni '50 (per saperne di più clicca qui).
Oggi invece vorrei parlarvi dei "mitici" anni Sessanta che  sono testimoni del più importante rinnovamento generazionale che il secolo scorso abbia mai visto. I valori, le aspirazioni e lo stile di vita delle future generazioni sono inevitabilmente influenzati dagli eventi sociali, politici e culturali di quegli anni. I giovani si identificano nei loro idoli musicali simboli prima della beat generation poi della musica pop. Sono gli anni in cui si affermano i media, la cultura pop e la minigonna, che porta alla ribalta una nuova figura femminile che reclama una maggiore libertà .
 Questi sono anche gli anni delle manifestazioni in piazza: gli Italiani manifestano i loro ideali politici e il loro dissenso. 
Alla fine del decennio, nel 1968, avrà luogo la più grande contestazione giovanile che culminerà in una grande rivoluzione culturale.

Lo sapevi che...? 
  • Nel 1961 l' Italia compie cento anni. Nel mese di marzo le celebrazioni e i festeggiamenti si susseguono un po' in tutto il nostro Paese e furono emessi  nuovi francobolli
   
Lo sapevi che...?
  •  Il 1965 è un anno molto importante per la  moda: nasce la minigonna, creazione della geniale disegnatrice di moda Mary Quant. La  minigonna fu il simbolo di libertà di costume che avrebbe rivoluzionato completamente il modo di vestire delle donne. Le donne potevano esprimersi in maniera più autonoma e indipendente.






  • L'anno successivo, il 1966, vede il consolidamento della beat generation. Nascono nuovi gruppi e i capelloni, che disturbano la vista dei benpensanti delle famiglie borghesi. I blue jeans trovano la prima grande diffusione tra i giovani. 
Lo scrittore Jack Kerouac faceva parte di questo movimento che negli Stati Uniti era iniziato almeno un decennio prima.
Sulla strada è un romanzo autobiografico, scritto nel 1951, dello scrittore statunitense Jack Kerouac, basato su una serie di viaggi in automobile attraverso gli Stati Uniti, in parte con il suo amico Neal Cassady e in parte in autostop.


  •  Per Firenze è un anno tragico. Il 4 novembre la città viene invasa dalle acque dell'Arno. 

  • L'alluvione del '66 sarà ricordata dai Fiorentini come uno dei disastri più terribili del secolo. Verranno in aiuto i  giovani contestatori, da ogni parte del mondo, e saranno determinanti nel grande lavoro di recupero di manoscritti ed opere d'arte, tanto da guadagnarsi alla fine il meritato appellativo di  "angeli del fango". 
 


Lo sapevi che...? 
  • Il 1969 è un anno grandioso perchè l'uomo va sulla luna e anche per la musica è un anno da ricordare con il grande concerto di Woodstock, il più grande mega raduno della storia del rock. Mezzo milione di giovani affollano quella che prima era una fattoria nei pressi di New York per assistere ad un evento musicale che non ha precedenti: dal 21 agosto per tre giorni si esibiranno talenti del calibro di Santana, Ten Years After, Richie Havens, Joe Cocker, Jimi Hendrix. Per la musica pop è un anno di grande vitalità: esce l'album di debutto per Still, Crosby & Nash, ai quali in seguito si unirà anche Neil Young, i Pink Floyd pubblicano "Ummagumma", Yes e King Crimson incidono i loro primi album, David Bowie lancia "space oddity".(qui)

 
 

  •  In questo periodo, in Italia, nasce la collaborazione  storica tra Lucio Battisti e Mogol, una alchimia che regalerà alla musica italiana emozioni indimenticabili come " Fiori rosa fiori di pesco, la luce dell'est, Un'avventura, Acqua azzurra acqua chiara,  Mi ritorni in mente" e altre bellissime canzoni di Battisti. L'estate e l'autunno del '69 costituiscono un periodo "magico per la musica: si prepara ormai il terreno agli anni '70, gli anni della libertà, degli Hippies e della musica pop.

Lo sapevi che...?
  • Gli anni '60 vedono uno sconvolgimento nella moda. Con l'invenzione della minigonna e il successo di modelle come Twiggy e Veruska, la donna cambia totalmente il look. Non più rotondità ma spigolosità.( Io sarei stata sicuramente fuori moda, ah!ah! ah!)


  • Gli Hippies prendono maggiore coscienza di sé, dando vita ad una cultura alternativa che si esprime essenzialmente attraverso il dissenso e la contestazione. 







Siamo giunti alla fine di questa carrellata di curiosità sugli anni '60 e chiudo questo post con alcuni dei  simboli degli anni '60, che hanno cambiato la nostra vita


Personal Computer Olivetti 1965
Il primo Personal Computer è stato inventato nel 1965 da Piergiorgio Perotto, della Olivetti.


K-way 1965
Creata prima a Parigi, la giacca impermeabile in nylon o pvc viene proposta con il marchio K-Way nel 1965



Ciao Piaggio 1967
Uno dei ciclomotori più venduti in Italia, il Ciao Piaggio debutta sul mercato italiano nel 1967


e dulcis in fundo



Nutella ferrero 1964
Fu creata nel 1964 dall’industria dolciaria piemontese Ferrero,sulla base di una crema chiamata in passato Pasta Giandujot
Spero di non avervi  annoiato e vi do appuntamento al prossimo numero, il 21 settembre.
Un bacione 

22 commenti:

  1. Stupendo questo post , un tuffo nella nostra storia , eventi e invenzioni che hanno davvero cambiato la nostra vita é. E la nutella ? 49 anni di dolcezza !! Questo non lo sapevo! Grazie per questo bellissimo viaggio a ritroso nel tempo ! Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mirtilla, non si può vivere senza la nutella!( mia umile opinione)
      Grazie per il commento
      Sara

      Elimina
  2. Very interesting post! Bravo!
    have a lovely weekend!
    Hugs!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks Milena, Have a lovely week.
      Baci
      Sara

      Elimina
  3. Che bel post, davvero un salto nel passato, anch'io come Mirtilla non sapevo della nutella!!!!
    Fantasy Jewellery

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì la nutella ha una storia! Mi accompagna sin da piccola fino ad adesso che non dovrei mangiarla. Ma è così speciale!
      Grazie per il commento
      Baci
      Sara

      Elimina
  4. GRAZIE, mi hai fatto rivivere un bel periodo, anche se di contestazione. Nel 68, avevo giusto 18 anni, ma non facevo parte di quei gruppi, ero fidanzata e in procinto di sposarmi, altri erano i miei sogni. Non tutti realizzati ma tutto sommato, va bene così, c'è chi è andato peggio.
    Bravissima nel raccogliere tutte le notizie fondamentali... un bel 10 e lode.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Annunziata è proprio vero non tutti i sogni sono realizzabili, l?importante che ora sei felice di come sei e vivi.
      Un abbraccio
      Sara

      Elimina
  5. Bel post!!! Alcune cose le ricordavo!! Bellissima la foto con il signore che guarda la ragazza in minigonna!!!
    Baci
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gio, carina vero? L'ho scelta perchè è esplicativa del momento.
      Un abbraccio
      Sara

      Elimina
  6. E' proprio un bel lavoro questo tuo post. Buona serata. Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ely grazie. Mi piace parlare anche di usi e costumi del passato. In fondo non è proprio tanto lonatno.
      baci
      Sara

      Elimina
  7. Ciao! Fantastico questo post! Mi sono persa le puntate precendenti, ma corro a recuperare! Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dani, spero proprio che ti piacciano anche le puntate precedenti.
      Baci
      Sara

      Elimina
  8. Ma che bellissimo post, davvero complimenti!! Un tuffo in un passato che è stato un mix di creatività, dolore, solidarietà, spensieratezza che ha segnato indelebile la storia e cambiato inesorabilmente il futuro! Un bacione<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dyl è propeio così, hai trovato le parole giuste per descriverlo.
      Un abbraccio
      Sara

      Elimina
  9. ciao
    bello questo post.
    Non sapevo tutte queste cose. Non hai annoiato è stato interessante leggere.

    RispondiElimina
  10. post molto inteessante e ricco.
    Mi fa piacere sapere che la nutella è nata prima di me!
    PS
    grazie per aver lasciato il commento sulla mia lilli.
    Abbiamo rischiato di perderla martedì,per fortuna è ancora con noi.
    Lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido con te l'amore per gli animali soprattutto per i gatti. Spero che adesso Lilli stia bene e che sia tutto a posto. grazie per il commento
      Sara

      Elimina
  11. ciao, sono una nuova follower!
    ho visto solo ora il tuo commento sul mio blog, che probabilmente non ricorderai xD (è stato lasciato circa due mesi fa!). Ho avuto problemi di connessione, per questo passo solo adesso!

    Comunque mi è piaciuto molto questo post! Un po' di cultura non fa mai male :) Interessanti gli anni '60, sopratutto per l'invenzione della nutella ahahah (che ha rovinato la mia vita)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusy, sono cose che capitano. sono contenta che questo post ti sia piaciuto
      Ciao
      Sara

      Elimina