martedì 26 marzo 2013

La Pasqua nel mondo: Inghilterra


La cerimonia del Giovedì Santo in Inghilterra è di grande importanza ed è molto sentita. Durante questo periodo è tradizione svolgere attività caritative per i poveri, si chiama Royal Maundy Gifts e consiste proprio nell’elargire delle borse di denaro ai meno abbienti. A Londra nell’abbazia di Westminster alla fine della funzione religiosa,i sovrani distribuiscono le borse da riempire, adagiate su un vassoio d’argento.
Dal punto di vista culinario, durante il Venerdì Santo si mangiano particolari dolci, simili a delle pagnotte di pane, ma con impasto dolce arricchito di uvetta e aromatizzato alla cannella e con una croce di glassa sopra.
Il nome di questi dolci è Hot-Cross Buns e si dice che proteggano contro il fuoco. La croce di glassa vuole ricordare la passione di Cristo. Nel pub di Londra chiamato "Il Figlio della Vedova" si conservano quasi duecento esemplari di questi dolci, secondo quanto descritto da una leggenda: "Una vedova che attendeva il figlio marinaio disperso in mare non volle mai disperare e continuò ogni anno a cuocergli gli hot-cross buns".
Questi dolcetti sono delle brioches fatte con la cannella e uvetta. Sopra a questi dolci vi è una croce di glassa di zucchero per ricordare la passione di Cristo.
Hot Cross Buns per il Venerdì Santo











Una divertentissima tradizione della domenica di Pasqua è la ricerca delle uova portate da Easter Bunny.
Questo coniglietto porta le uova decorate precedentemente dai bambini e genitori in giardino e li nasconde. La domenica mattina i bambini devono trovare le uova con un premio finale per chi raggiunge il numero più alto.
 (immagine presa dal web)
Questa tradizione non è solo inglese ma la troviamo anche in Alto Adige.
Ed ora la ricetta degli Hot cross buns:
Dose per 6 persone
Ingredienti
latte, 180 ml
lievito  di birra, 7 g.
zucchero, mezzo cucchiaio

farina, 500 g

zucchero di canna, 50 g.

cannella,1 cucchiaino

chiodi di garofano, q.b.

noce moscata, q.b.

sale, mezzo cucchiaino

limone

burro, 50 g.

3 uova

uva sultanina, 40 g.

Preparazione:
Scaldare il latte in un pentolino e unire a questo il lievito, lo zucchero e far riposare il tutto per 10 minuti a fuoco spento. A parte mescolare gli ingredienti solidi (farina, zucchero di canna, spezie in polvere, scorza grattugiata del limone e sale). Amalgamare poi delicatamente i due composti e le uova (2), continuando a mescolare per evitare la formazione di grumi. Aggiungere in ultimo il burro ammorbidito e l'uvetta sultanina. Far lievitare l'impasto coperto con un canovaccio per un paio d'ore.
Una volta pronto, dividerlo in 12 pezzi e con ciascuno formare delle piccole palline leggermente schiacciate. Farle nuovamente lievitare sulla teglia da forno per mezz'ora e poi cuocere gli hot cross buns in forno a 200°, spennellati con un uovo e un cucchiaio di latte, per circa 15-20 minuti, o comunque fino a cottura (devono essere ben dorati). Servire questi dolcetti decorando con della glassa, a forma di croce.

9 commenti:

  1. bello conoscere le tradizioni degli altri paesi....grazie anche per la ricetta!
    Elena

    RispondiElimina
  2. ottima ricettina!
    se ti va passa a trovarmi:http://viviconvivi.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. ¡Hola Sara! Encantada de conocerte. La iniciativa de Lola es muy interesante pues te permite conocer nuevos blogs. Me quedo como seguidora. Tienes un blog muy bonito y me gusta mucho. Besos.

    RispondiElimina
  4. Quante cose interessanti. Grazie! =)
    Daniela

    RispondiElimina
  5. interessante il post e la ricetta, non conoscevo questi dolcetti. Grazie di essere passata dal mio blog

    RispondiElimina
  6. Eccomi!!! Grazie per essere passata da me e per le informazioni contenute su questo post, inoltre, devo provare a fare i dolcetti!! Grazie per la ricetta :-)
    Bacioni e una serena Pasqua!
    Monica.

    RispondiElimina
  7. Bellissimo post e molto interessante, Come dice mia nonna, non devi andare a riposare senza imparare qualcosa di più. Besitos.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria Dolores, tua nonna è saggia.

      Elimina