sabato 16 marzo 2013

Il tè, non solo English (II)





E' difficile stabilire le origini precise su quando sia iniziata la tradizione del tè. Nel senso che su chi abbia inventato questo buonissimo infuso esistono molte storie e leggende. La più accreditata è quella che lo fa nascere in Cina, ai tempi dell'imperatore Shen Nung nel lontano 2737 a.C.
Dalla Cina al Nuovo Mondo
Quando i pellegrini intrapresero il viaggio verso il Nuovo Mondo portarono con loro alcuni semi e piante delle erbe preferite e fu così che il tè inizio la conquista dell'Europa, soprattutto Inghilterra che divenne la seconda patria del tè anche per le sue future colonie.
Quando arrivarono nel Nuovo Mondo si resero subito conto che quelle piantine potevano essere coltivate  anche a scopo curativo, nacque così l'infuso di camomilla, di menta piperita e di sambuco. Particolare fortuna, i tè alle erbe la conobbero  durante la rivoluzione Americana, quando , nella rivolta contro il dominio della madre patria inglese, si preferì consumare il prodotto nazionale piuttosto che quello di importazione. Un particolare infuso , costituito da salvia, menta e melissa, venne chiamato Liberty tea.
Oggi c'è una grande diversificazione di tè, a prescindere dalla marca:

   i miei preferiti





 

 
Care amiche, sembra una carrellata pubblicitaria, ma non lo è, vorrei solo consigliarvi di bere queste marche se non le conoscete già.
Nel prossimo post vi parlerò di come servire il tè.
 Ciao  a presto
Sara











3 commenti:

  1. Ti seguo con attenzione, adoro bere tè. Ely

    RispondiElimina
  2. Ciao Sara!!
    Grazie per essere passata da me ;)
    Io adoro il tè quindi trovo questo post molto utile!!
    Se trovo queste marche nel mio supermercato le proverò sicuramente!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. buono il te. Io ho assaggiato il te star classico. buono. Buono anche il the star al limone. Il te della Twinings mi piace molto.
    Teekanne mai visto.

    RispondiElimina