martedì 20 dicembre 2011

MERRY CHRISTMAS





Come si dice Buon Natale in tutte le lingue del mondo


  • Buon Natale in Afgano - De Christmas akhtar de bakhtawar au newai kal de mubarak sha
  • Buon Natale in Afrikaans - Gesëebende Kersfees
  • Buon Natale in Afrikander - Een Plesierige Kerfees
  • Buon Natale in Albanese - Gezur Krislindjden
  • Buon Natale in Alsaziano (dialetto franco-tedesco) - Scheen Wihnachte un
  • Buon Natale in Amarico - Melkam Yelidet Beaal
  • Buon Natale in Andorra (dialetto di) - Bon Nadal
  • Buon Natale in Antille Olandesi - Bon Pasco, Bon Anja
  • Buon Natale in Arabo (standard) - Mboni Chrismen; I'd Miilad Said ous Sana Saida
  • Buon Natale in Arabo (Iracheno) - Idah Saidan Wa Sanah Jadidah
  • Buon Natale in Arabo (Libanese) - Milad Majeed
  • Buon Natale in Arabo (Palestinese e della penisola arabica) - I'd milad said oua Sana saida
  • Buon Natale in Argentina (Spagnolo dell') - Felices Pasquas Y felices año Nuevo
  • Buon Natale in Aramaico- Edo bri'cho o rish d'shato brich'to
  • Buon Natale in Armeno - Shenoraavor Nor Dari yev Pari Gaghand
  • Buon Natale in Aromuniano (dacio-macedone) - Crãciunu hãriosu shi unu anu nãu, bunu
  • Buon Natale in Azero - Tezze Iliniz Yahsi Olsun
  • Buon Natale in Bahasa (malesia) - Selamat Hari Natal
  • Buon Natale in Bassa Sassonia (dialetto della) - Heughliche Winachten un 'n moi Nijaar
  • Buon Natale in Basco - Zorionak eta Urte Berri On
  • Buon Natale in Bengalese - Shuvo Nabo Barsho; Shuvo Baro Din
  • Buon Natale in Bhutan - krist Yesu Ko Shuva Janma Utsav Ko Upalaxhma Hardik Shuva
  • Buon Natale in Boemo - Vesele Vanoce
  • Buon Natale in Bosniaco - Sretam Bozic, Hristos se rodi
  • Buon Natale in Brasile (Portoghese del) - Boas Festas e Feliz Ano Novo
  • Buon Natale in Bretone - Nedeleg laouen na bloavezh mat
  • Buon Natale in Brunei - Selamat Hari Natal
  • Buon Natale in Bielorusso - Winshuyu sa Svyatkami
  • Buon Natale in Bulgaro - Tchestita Koleda; Tchestito Rojdestvo Hristovo
  • Buon Natale in Burundi - Noeli Nziza
  • Buon Natale in Catalano - Bon Nadal i un Bon Any Nou
  • Buon Natale in Cazaco - Hristos Razdajetsja; Rozdjestvom Hristovim
  • Buon Natale in Choctaw - Yukpa, Nitak Hollo Chito
  • Buon Natale in Cinese Mandarino - Kung His Hsin Nien bing Chu Shen Tan
  • Buon Natale in Cinese Cantonese - Gun Tso Sun Tan'Gung Haw Sun
  • Buon Natale in Cipro (dialetto greco di) - Eftihismena Christougenna, Noeliniz kutlu olsun ve yeni yili
  • Buon Natale in Cocos(lingua delle isole)- Selamat Hari Natal
  • Buon Natale in Colombia (Spagnolo della) - Feliz Navidad y próspero Año Nuevo
  • Buon Natale in Cook (lingua delle isole) - Kia orana e kia manuia rava i teia Kiritime
  • Buon Natale in Coreano - Sung Tan Chuk Ha
  • Buon Natale in Cornovaglia (Gaelico della) - Nadelik looan na looan blethen noweth
  • Buon Natale in Corso - Bon Natale e Bon capu d'annu
  • Buon Natale in Crazanian - Rot Yikji Dol La Roo
  • Buon Natale in Cree - Mitho Makosi Kesikansi
  • Buon Natale in Creek - Afvcke Nettvcakorakko
  • Buon Natale in Croato - Sretan Bozic
  • Buon Natale in Curdo - Seva piroz sahibe u sersala te piroz be
  • Buon Natale in Danese - Glædelig Jul og godt nytår
  • Buon Natale in Duri - Christmas-e-Shoma Mobarak
  • Buon Natale in Ebraico - Hag ha Molad sameah, Silvester tov
  • Buon Natale in Egiziano (copto)- Colo sana wintom tiebeen
  • Buon Natale in Eritreo/Tigrino -Rehus Beal Ledeats
  • Buon Natale in Eschimese (inuit) - Jutdlime pivdluarit ukiortame pivdluaritlo
  • Buon Natale in Esperanto - Gajan Kristnaskon
  • Buon Natale in Estone - Rôômsaid Jôule
  • Buon Natale in Etipopico - Melkam Yelidet Beaal
  • Buon Natale in Fareöer (lingua delle isole) - Gledhilig jol og eydnurikt nyggjar
  • Buon Natale in Farsi - Cristmas-e-shoma mobarak bashad
  • Buon Natale in Fiammingo - Zalig Kerstfeest en Gelukkig nieuw jaar
  • Buon Natale in Filippino - Maligayan Pasko
  • Buon Natale in Finlandese - Hyvaa joulua
  • Buon Natale in Francese - Joyeux Noel
  • Buon Natale in Franco Provenzale - Legreivlas fiastas da Nadal e bien niev onn
  • Buon Natale in Frisone- Noflike Krystdagen en in protte Lok en Seine yn it Nije Jier
  • Buon Natale in Friulano - Bon Nadâl e Bon An Gnûf
  • Buon Natale in Gaelico - Nollaig chridheil agus Bliadhna mhath ur
  • Buon Natale in Galiziano - Bo Nadal e Bo ani novo
  • Buon Natale in Gallese - Nadolig Llawen
  • Buon Natale in Georgiano - Gilotsavt Krist’es Shobas
  • Buon Natale in Ghanese - Afishapa
  • Buon Natale in Ghirghiso - Hristos Razdajetsja
  • Buon Natale in Giapponese - Shinnen omedeto, Kurisumasu Omedeto
  • Buon Natale in Gibuti - Mboni Chrismen
  • Buon Natale in Greco - Kala Christouyenna Kieftihismenos
  • Buon Natale in Groenlandese - Juullimi Ukiortaassamilu Pilluarit
  • Buon Natale in Haiti (dialetto di) - Jwaye Nwel
  • Buon Natale in Haussa - Barka da Kirsimatikuma Barka da Sabuwar Shekara
  • Buon Natale in Hawaiano - Mele Kalikimaka
  • Buon Natale in Iberico - Mithag Crithagsigathmithags
  • Buon Natale in Indi - Shub Naya Baras
  • Buon Natale in Indonesiano - Selamat Hari Natal
  • Buon Natale in Inglese - Merry Christmas
  • Buon Natale in Irlandese - Nollaig Shona Dhuit; Nodlaig mhaith chugnat
  • Buon Natale in Irochese - Ojenyunyat Sungwiyadeson honungradon nagwutut, Ojenyunyat osrasay
  • Buon Natale in Irlandese - Nollaig Shona dhuit
  • Buon Natale in Islandese - Gleðileg Jól
  • Buon Natale in Italiano - Buon Natale
  • Buon Natale in Jèrriais (Isola di Jersey) - Bouan Noué et Bouanne Année
  • Buon Natale in Karelia (lingua della) - Rastawanke Sinun, Uvven Vuvenke Sinun
  • Buon Natale in Krio (Sierra Leone) - Appi Krismes en Appi Niu Yaa
  • Buon Natale in Ladino - Bon Nadel y Bon Ann Nuef
  • Buon Natale in Latino - Natale hilare et Annum Faustum
  • Buon Natale in Lettone - Prieci'gus Ziemsve'tkus un Laimi'gu Jauno Gadu!
  • Buon Natale in Lituano - Linksmu Kaledu
  • Buon Natale in Livonia (dialetto della) - Riiemlizi Talspividi ja pagin vonno udaigastos
  • Buon Natale in Lusaziano - Wjesole hody a strowe nowe leto
  • Buon Natale in Lussemburghese - Schéi Krëschtdeeg an e Schéint Néi Joer
  • Buon Natale in Macedone - Sreken Bozhik; Srekni Kolede
  • Buon Natale in Malayan - Puthuvalsara Aashamsakal
  • Buon Natale in Malawi - Moni Wa Chikondwelero Cha X’mas
  • Buon Natale in Malgascio - Arahaba tratry ny Krismasy
  • Buon Natale in Maltese - LL Milied Lt-tajjeb
  • Buon Natale in Manx (Gaelico dell'isola di Man) - Nollick ghennal as blein vie noa
  • Buon Natale in Maori - Meri Kirihimete
  • Buon Natale in Marathi - Shub Naya Varsh
  • Buon Natale in Marshall (ingua delle isole) - Monono ilo raaneoan Nejin
  • Buon Natale in Moldavo - Craciun fericit si un An Nou fericit!
  • Buon Natale in Mongolo - Zul saryn bolon shine ony mend devshuulye
  • Buon Natale in Moravo - Prejeme Vam Vesele Vanoce a stastny Novy Rok
  • Buon Natale in Namibia (dialetto della) - Geseende Kersfees
  • Buon Natale in Navajo - Merry Keshmish
  • Buon Natale in Newari (Nepalese) - krist Yesu Ko Shuva Janma Utsav Ko Upalaxhma Hardik Shuva
  • Buon Natale in Norvegese - God Jul; Gledelik Jul
  • Buon Natale in Occitano - Pulit nadal e bona annado
  • Buon Natale in Olandese - Vrolijk Kerstfeest en een Gelukkig Nieuwjaar!
  • Buon Natale in Oriya - Sukhamaya christmass ebang khusibhara naba barsa
  • Buon Natale in Papiamento - Bon Pasco
  • Buon Natale in Papua Nuova Guinea - Bikpela hamamas blong dispela Krismas na Nupela yia i go long yu
  • Buon Natale in Pashtu - Christmas Aao Ne-way Kaal Mo Mobarak Sha
  • Buon Natale in Pasto - De Christmas akhtar de bakhtawar au newai kal de mubarak sha
  • Buon Natale in Pennsylvania (Tedesco della) - En frehlicher Grischtdaag un en hallich Nei Yaahr!
  • Buon Natale in Persiano - Christmas Mobarrak
  • Buon Natale in Peru (Spagnolo del) - Feliz Navidad y un Venturoso Año Nuevo
  • Buon Natale in Polacco - Wesolych Swiat Bozego Narodzenia
  • Buon Natale in Polinesia francese (dialetto della) - Joyeux Noel, La ora i te Noera
  • Buon Natale in Portoghese - Boas Festas e Feliz Natal
  • Buon Natale in Punjabi - Nave sal di mubaraka
  • Buon Natale in Rapa Nui - Mata-Ki-Te-Rangi. Te-Pito-O-Te-Henua
  • Buon Natale in Retico - Bellas festas da nadal e bun onn
  • Buon Natale in Rom (degli zingari) - Bachtalo krecunu Thaj Bachtalo Nevo Bers
  • Buon Natale in Romancio (della svizzera) - Bella Festas da zNadal ed in Ventiravel Onn Nov
  • Buon Natale in Romanzo - Legreivlas fiastas da Nadal e bien niev onn
  • Buon Natale in Rumeno - Sarbatori vesele
  • Buon Natale in Russo - Pozdrevlyayu s prazdnikom Rozhdestva is Novim Godom
  • Buon Natale in Serbo - Hristos se rodi
  • Buon Natale in Sami - Buorrit Juovllat
  • Buon Natale in Samoano - La Maunia Le Kilisimasi Ma Le Tausaga Fou
  • Buon Natale in Sardo - Bonu nadale e prosperu annu nou; Felize Nadale e Bonu Cabuannu
  • Buon Natale in Scozzese (Gaelico) - Nollaig chridheil huibh
  • Buon Natale in Singalese - Subha nath thalak Vewa, Subha Aluth Awrudhak Vewa
  • Buon Natale in Slovacco - Vesele Vianoce, A stastlivy Novy Rok
  • Buon Natale in Sloveno - Vesele Bozicne, Screcno Novo Leto
  • Buon Natale in Somalo - ciid wanaagsan iyo sanad cusub oo fiican.
  • Buon Natale in Sorabo - Wjesole hody a strowe Nowe leto
  • Buon Natale in Spagnolo - Feliz Navidad
  • Buon Natale in Svedese - God Jul and (Och) Ett Gott Nytt År
  • Buon Natale in Svalbard (dialetto delle isole) - Hristos Razdajetsja, Gledelig Jul
  • Buon Natale in Sudanese - Natal Sareng Warsa Enggal
  • Buon Natale in Sumatra (malese dell'isola di) - Selamat Tahun Baru
  • Buon Natale in Swahili - ºKrismas Njema Na Heri Za Mwaka Mpyaº
  • Buon Natale in Tagalog - Maligayamg Pasko; Masaganang Bagong Taon
  • Buon Natale in Tailandese - Suksan Wan Christmas lae Sawadee Pee Mai
  • Buon Natale in Tamil - Nathar Puthu Varuda Valthukkal
  • Buon Natale in Tedesco - Froehliche Weihnachten
  • Buon Natale in Tok Pisin (ceolo della Nuova Guinea)- Meri Krismas Hepi Nu Yia
  • Buon Natale in Tonga (lingua delle isole)- Kilisimasi Fiefia & Ta'u fo'ou monu ia
  • Buon Natale in Trukeese (Micronesiano) - Neekiriisimas annim oo iyer seefe feyiyeech
  • Buon Natale in Turco - Noeliniz Ve Yeni Yiliniz Kutlu Olsun
  • Buon Natale in Ucraino - Srozhdestvom Kristovym
  • Buon Natale in Ugandese - Webale Krismasi
  • Buon Natale in Ungherese - Kellemes Karacsonyi unnepeket
  • Buon Natale in Urdu - Naya Saal Mubarak Ho
  • Buon Natale in Vepsi (degli zingari) - Rastvoidenke i Udenke Vodenke
  • Buon Natale in Vietnamita - Chung Mung Giang Sinh
  • Buon Natale in Xhosa - Siniqwenelela Ikrisimesi EmnandI Nonyaka Omtsha Ozele Iintsikelelo Namathamsanqa
  • Buon Natale in Yayeya - Krisema
  • Buon Natale in Yiddish - Gute Vaynakhtn un a Gut Nay Yor
  • Buon Natale in Yoruba - E ku odun, e ku iye 'dun
  • Buon Natale in Zulu - Sinifesela Ukhisimusi Omuhle Nonyaka Omusha Onempumelelo


RACCONTI DI NATALE

La piccola fiammiferaia
 
Era la fine dell'anno faceva molto freddo.
Una povera bambina camminava a piedi nudi per le strade della città.
La mamma le aveva dato un paio di pantofole, ma erano troppo grandi e la povera piccola le aveva perdute attraversando la strada.
Un monello si era precipitato e aveva rubato una delle pantofole perdute.
Egli voleva farne una culla per la bambola della sorella.
La piccola portava nel suo vecchio grembiule una gran quantità di fiammiferi che doveva vendere.
Sfortunatamente c'era in giro poca gente: infatti quasi tutti erano a casa impegnati nei preparativi della festa e la poverina non aveva guadagnato neanche un soldo.
Tremante di freddo e spossata, la bambina si sedette nella neve: non osava tornare a casa, poiché sapeva che il padre l'avrebbe picchiata vedendola tornare con tutti i fiammiferi e senza la più piccola moneta.
Le mani della bambina erano quasi gelate.
Un pochino di calore avrebbe fatto loro bene! La piccola prese un fiammifero e lo sfregò contro il muro.
Una fiammella si accese e nella dolce luce alla bambina parve di essere seduta davanti a una grande stufa!
Le mani e i piedi cominciavano a riscaldarsi, ma la fiamma durò poco e la stufa scomparve.
La piccola sfregò il secondo fiammifero e, attraverso il muro di una casa, vide una tavola riccamente preparata.
In un piatto fumava un'oca arrosto.... All'improvviso, il piatto con l'oca si mise a volare sopra la tavola e la bambina stupefatta, pensò che l'attendeva un delizioso pranzetto.
Anche questa volta, il fiammifero si spense enon restò che il muro bianco e freddo.
La povera piccola accese un terzo fiammifero e all'istante si trovò seduta sotto un magnifico albero di Natale.
Mille candeline brillavano e immagini variopinte danzavano attorno all'abete.
Quando la piccola alzò le mani il fiammifero si spense.
Tutte le candele cominciarono a salire in alto verso il cielo e la piccola fiammiferaia si accorse che non erano che stelle.
Una di loro tracciò una scia luminosa nel cielo: era una stella cadente.
La bambina pensò alla nonna che le parlava delle stelle.
La nonna era tanto buona! Peccato che non fosse più al mondo.
Quando la bambina sfregò un altro fiammifero sul muro, apparve una grande luce.
In quel momento la piccola vide la nonna tanto dolce e gentile che le sorrideva.
-Nonna, - escalmò la bambina - portami con te! Quando il fiammifero si spegnerà, so che non sarai più là. Anche tu sparirai come la stufa, l'oca arrosto e l'albero di Natale!
E per far restare l'immagine della nonna, sfregò uno dopo l'altro i fiammiferi.
Mai come in quel momento la nonna era stata così bella.
La vecchina prese la nipotina in braccio e tutte e due, trasportate da una grande luce, volarono in alto, così in alto dove non c'era fame, freddo né paura.
Erano con Dio.




La leggenda del vischio

C'era una volta, in un paese tra i monti, un vecchio mercante. L'uomo viveva solo, non si era mai sposato e non aveva piu' nessun amico. Per tutta la vita era stato avido e avaro, aveva sempre anteposto il guadagno all'amicizia e ai rapporti umani. L'andamento dei suoi affari era l'unica cosa che gli importava. Di notte dormiva pochissimo, spesso si alzava e andava a contare il denaro che teneva in casa, nascosto in una cassapanca.
Per avere sempre piu' soldi, a volte si comportava in modo disonesto e approfittava della ingenuita' di alcune persone. Ma tanto a lui non importava, perche' non andava mai oltre le apparenze.
Non voleva conoscere quelli con i quali faceva affari. Non gli interessavano le loro storie e i loro problemi. E per questo motivo nessuno gli voleva bene.
Una notte di dicembre, ormai vicino a Natale, il vecchio mercante non riusciva a dormire e dopo aver fatto i conti dei guadagni, decise di uscire a fare una passeggiata.
Comincio' a sentire delle voci e delle risate, urla gioiose di bambini e canti.
Penso' che di notte era strano sentire tanto chiasso in paese. Si incuriosi' perche' non aveva ancora incontrato nessuno, nonostante voci e rumori sembrassero molto vicini.
A un certo punto comincio' a sentire qualcuno che pronunciava il suo nome, chiedeva aiuto e lo chiamava fratello. L'uomo non aveva fratelli o sorelle e si stupi'.
Per tutta la notte, ascolto' le voci che raccontavano storie tristi e allegre, vicende familiari e d'amore. Venne a sapere che alcuni vicini erano molto poveri e che sfamavano a fatica i figli; che altre persone soffrivano la solitudine oppure che non avevano mai dimenticato un amore di gioventu'.
Pentito per non aver mai capito che cosa si nascondeva dietro alle persone che vedeva tutti i giorni, l'uomo comincio' a piangere.
Pianse cosi' tanto che le sue lacrime si sparsero sul cespuglio al quale si era appoggiato.
E le lacrime non sparirono al mattino, ma continuarono a splendere come perle.
Era nato il vischio.




La leggenda dei sempreverdi


Nei tempi passati, al termine dell'estate, un uccellino si ferì ad un'ala, restando cosi da solo nel bel mezzo del bosco.
Non potendo più volare, resto' praticamente in balia dell'inverno, che già faceva sentire i suoi primi geli.
Cosi, domando' ad un enorme faggio di potersi rifugiare tra i suoi grandi rami, sperando di poter passare l'inverno al riparo dal cattivo tempo. Ma il faggio, altezzosamente, rifiuto' all'uccellino un piccolo riparo tra le sue fronde.
Intristito, l'esserino continuo' a girovagare nel bosco, trovando di li a poco un grosso castagno e, speranzoso, ripete' la stessa domanda.
Ma anche quest'albero rifiuto' all'uccellino la sua protezione.
Cosi, nuovamente s'incammino nell'oscurità della foresta, alla ricerca di un riparo.
Di li a poco si senti' chiamare:
- Uccellino vieni tra i miei rami, affinché tu possa ripararti dal freddo.
Stupito, l'uccellino si volto' e vedendo che a parlare era stato un piccolo pino, salto' lestamente su uno dei suoi rami.
Subito dopo anche una pianta di ginepro offrì le sue bacche come sostentamento per il lungo inverno. L'uccellino ringrazio' più volte per tale generosità, che gli permise cosi di superare la cattiva stagione.
Dio, avendo osservato tutto, volle ricompensare la generosità del pino e del ginepro, ordinando al vento di non far cadere loro le foglie, e quindi da quel giorno furono "sempreverdi"








sabato 17 dicembre 2011

CENA PER IL COMPLEANNO E GLI AUGURI DI NATALE






21 DICEMBRE 2011
Come mi piace festeggiare il mio compleanno e salutare gli amici che partono per il Natale con una cenetta fredda( beh più o meno fredda) a casa mia!!!
Mercoledì prossimo ho invitato una decina di amici a casa mia per festeggiare e così... sotto con le pentole e ricettari per preparare una cenetta con i fiocchi. Ecco cosa preparerò.
Antipasto: 
rotolo di frittata ripieno di formaggio e prosciutto cotto
cornetti di pastafrolla ripieni di mousse di tonno
lumachelle di pasta di pane con pancetta e formaggio
Primo:
Pasta con salsa piccante
Secondo:
polpettone di carne con spinaci
bocconcini di pollo con le olive
Contorni:
patate arrosto con il polpettone
piselli e carotine  con il pollo
Dolce:
Budino al cioccolato fatto a casa

sabato 19 novembre 2011

STA PER ARRIVARE IL NATALE!

Sta per arrivare il Natale, si sente nell'aria, si vede nei negozi. Tutto è pronto ed io che sono una persona previdente e non voglio fare tutti i regali all'ultimo momento, ho cominciato a pensare cosa regalare e a chi.
Curiosando qua e la per i blogs delle amiche più brave di me mi è venuta voglia di provare a creare qualcosa con le mie mani. Pensa che ti ripensa ho deciso di fare due angioletti per le mie due amiche Stefania ed Emilia.
Adesso ve li presento: 
Ecco a voi Stefy ed Emy, le mie prime creature.

venerdì 11 novembre 2011

L'ESTATE DI SAN MARTINO


Eh non c'è che dire,sembra proprio una giornata di fine estate...., al sole!
11.11.11 Quante chiacchere su questa data! Sarà poi vero che porta fortuna? Penso prorio di si, se pensi che sei nata, che sei in salute e che stai vivendo una vita normale circondata dalla cosa più importante della vita, secondo me... l'amore dei tuoi cari!



Tradizionalmente durante questi giorni si aprono le botti per il primo assaggio del vino nuovo, che solitamente viene abbinato alle prime castagne.
Questa tradizione è celebrata anche in una famosa poesia di Giosuè Carducci intitolata appunto San Martino:
« La nebbia a gl'irti colli
Piovigginando sale,
E sotto il maestrale
Urla e biancheggia il mar;

Ma per le vie del borgo
Dal ribollir de' tini
Va l'aspro odor de i vini
L'anime a rallegrar......

Gira su' ceppi accesi
lo spiedo scoppiettando:
sta il cacciator fischiando
su l'uscio a rimirar

tra le rossastre nubi
stormi d'uccelli neri,
com'esuli pensieri,
nel vespero migrar.
L'Estate di San Martino è legata alla leggenda del Santo, che divise in due un mantello per coprire un povero mendicante nudo e freddoloso.
Il Signore "ricompensò" il Santo inviando un clima mite e temperato quando oramai esso volgeva al freddo dell'Inverno incipiente.
Il Santo, di origine ungherese, visse nel corso del IV Secolo dopo Cristo, fu Vescovo di Tours, e fondò il primo monastero databile in Europa.
Per la sua opera di evangelizzazione, fu popolarissimo in tutta Europa, e poi nelle Americhe, dove migliaia di villaggi e paesi portano il suo nome.
Non è chiaro quando sia nata la leggenda del mantello, né quando sia stata associata dalla memoria popolare e contadina al periodo di bel tempo che spesso insorge nel corso della seconda decade del mese di Novembre.
E' probabile che risalga a tempi antichissimi, di poco seguente alla morte del Santo, e che si sia diffusa poi rapidamente in tutta Europa, tanto che l'"Estate di San Martino" è conosciuta praticamente ovunque, e perfino negli Stati Uniti, dove questo periodo di intervallo di bel tempo viene definita "Estate Indiana" (meteogiornale.it).

domenica 30 ottobre 2011

Domani è il 31 Ottobre: buon halloween a tutti!!!

                                                                                                               
Chi di voi non ha mai sentito parlare della notte di Halloween? Si tratta di una celebrazione molto radicata nella cultura americana ed in quella anglo-sassone in generale, ma da diversi anni a questa parte pure l'Italia ha accolto - a modo suo - questa preziosa occasione per dar libero sfogo alle più macabre e divertenti fantasie. Per certi versi, potremmo assimilare Halloween al nostro
PERCHE' HALLOWEEN SI FESTEGPERCHE' HALLOWEEN SI FESTEGGIA IL 31 OTTOBRE?
La parola


PERCHE' HALLOWEEN SI FESTEGGIA IL 31 OTTOBRE?
La parola Halloween deriva dalla frase ALL HALLOWS EVE cioè la notte di ognissanti che si festeggia il 31 ottobre. Tale data anticamente coincideva con la fine dell'estate. I colori di Halloween si rifanno a questa ricorrenza: l'arancio richiama il colore del grano mietuto (fine estate) ed il nero ricorda il buio dell'inverno.





ORIGINI DI HALLOWEEN
Le tradizioni di Halloween si fanno risalire ai tempi delle popolazioni Celtiche nelle isole britanniche. I Celti erano un popolo di pastori e celebravano la fine della stagione dei raccolti (passaggio dall'estate all'inverno) : il 31 ottobre per loro era la fine dell'anno e di conseguenza il primo di novembre l'inizio di un nuovo anno. In questa notte si svolgevano grandi festeggiamenti e si salutava l'arrivo dell'inverno.

I Celti pensavano che nella notte del 31 ottobre gli spiriti di coloro che erano morti durante l'anno si mettessero in cerca di un copro da possedere per l'anno successivo. I vivi del momento non volevano però essere posseduti da questi spiriti quindi cercavano di trasformare le loro abitazioni in luoghi poco accoglienti e trasformavano i loro corpi con dei travestimenti terrificanti in modo da far scappare gli spiriti che volevano possederli.
La festa di Halloween venne portata negli USA intorno al 1840 dagli emigranti irlandesi che fuggivano dalla carestia di patate che aveva colpito la loro patria. Da allora Halloween è rimasta ancorata nella cultura americana ed è una delle più famose feste del paese.


DA DOVE VIENE IL DETTO "DOLCETTO O SCHERZETTO" ?
Anche questa usanza si fa risalire alla popolazione celtica. Alla fine dell'estate i contadini passavano per tutte le abitazioni del loro villaggio per chiedere un aiuto per affrontare il difficile periodo invernale dato che non avrebbero più potuto contare sul proprio lavoro. Gli abitanti che si rifiutavano di dare loro qualcosa ricevevano in cambio delle maledizioni: venivano invocati demoni, spettri e streghe in modo da impaurire chi aveva osato non contribuire. Per evitare tutto questo la maggior parte degli abitanti del villaggio donava qualcosa ai contadini.
Oggi sono i bambini ad andare di casa in casa a chiedere qualche caramello o dolcetto. I proprietari delle case preparano dolci, biscotti, caramelle, torte monetini e piccoli regali da donare ai bambini mascherati. I bambini suonano alle porte e reciatno la famosa frase: "trick-or-treat" ? Cioè offrite qualcosa (treat) o vi facciamo uno scherzetto (trick) come gli spiriti maligni che doveveno essere invocati dagli antichi Celti.
 

CHI E' JACK-O-LANTERN?
La tradizione di Jack deriva molto probabilmente dalla tradizione irlandese. La leggenda dice che un certo Jack, noto come baro, delinquente dedoti al bere, riuscì ad ingannare Satana in persona. Una sera Jack invitò il Diavolo a bere con lui ed il Diavolo accettò. Jack propose una scommessa a Satana: gli disse che non sarebbe più riuscito a scendere da un albero. Satana rise a scuarciagola credendi che Jack fosse pazzo: sicuro di vincere la scommessa accettò. Mentre Satana saliva sull'albero, Jack incise sulla corteccia una croce che impediva al Diavolo di scendere giù. Jack vide che Satana era perduto e quindi avanzò la sua proposta: avrebbe cancellato la croce se lui si fosse impegnato a non tentarlo più. Satana accettò e Jack cancellò la croce come concordato.
Alla sua morte Jack non fu accettato in Paradiso a causa dei suoi numerosi peccati,; non fu però accettato neanche all'Inferno in memoria dello scherzo giocato al Diavolo. Nonostante questo, il Diavolo donò a Jack un tizzone che gli illuminasse la strada. Per far durare la luce del tizzone per il maggior tempo possibile, Jack lo infilò all'interno di una cipolla.
Da allora si narra che vaghi durante la notte di Halloween facendosi luce col tizzone a lui donato da Satana. Da allora Jack fu soprannominato Jack O'Lantern e quando gli irlandese migrarono in America, avendo a disposizione delle grosse zucche, le sostituirono alla cipolla.


oween deriva dalla frase ALL HALLOWS EVE cioè la notte di ognissanti che si festeggia il 31 ottobre. Tale data anticamente coincideva con la fine dell'estate. I colori di Halloween si rifanno a questa ricorrenza: l'arancio richiama il colore del grano mietuto (fine estate) ed il nero ricorda il buio dell'inverno.

GIA IL 31 OTTOBRE?
La parola Halloween deriva dalla frase ALL HALLOWS EVE cioè la notte di ognissanti che si festeggia il 31 ottobre. Tale data anticamente coincideva con la fine dell'estate. I colori di Halloween si rifanno a questa ricorrenza: l'arancio richiama il colore del grano mietuto (fine estate) ed il nero ricorda il buio dell'inverno.




ORIGINI DI HALLOWEEN

Le tradizioni di Halloween si fanno risalire ai tempi delle popolazioni Celtiche nelle isole britanniche. I Celti erano un popolo di pastori e celebravano la fine della stagione dei raccolti (passaggio dall'estate all'inverno) : il 31 ottobre per loro era la fine dell'anno e di conseguenza il primo di novembre l'inizio di un nuovo anno. In questa notte si svolgevano grandi festeggiamenti e si salutava l'arrivo dell'inverno.

I Celti pensavano che nella notte del 31 ottobre gli spiriti di coloro che erano morti durante l'anno si mettessero in cerca di un copro da possedere per l'anno successivo. I vivi del momento non volevano però essere posseduti da questi spiriti quindi cercavano di trasformare le loro abitazioni in luoghi poco accoglienti e trasformavano i loro corpi con dei travestimenti terrificanti in modo da far scappare gli spiriti che volevano possederli.
La festa di Halloween venne portata negli USA intorno al 1840 dagli emigranti irlandesi che fuggivano dalla carestia di patate che aveva colpito la loro patria. Da allora Halloween è rimasta ancorata nella cultura americana ed è una delle più famose feste del paese.
Se vuoi avere maggiori informazioni ti consigliamo di consultare la sezione su Amando.it

DA DOVE VIENE IL DETTO "DOLCETTO O SCHERZETTO" ?
Anche questa usanza si fa risalire alla popolazione celtica. Alla fine dell'estate i contadini passavano per tutte le abitazioni del loro villaggio per chiedere un aiuto per affrontare il difficile periodo invernale dato che non avrebbero più potuto contare sul proprio lavoro. Gli abitanti che si rifiutavano di dare loro qualcosa ricevevano in cambio delle maledizioni: venivano invocati demoni, spettri e streghe in modo da impaurire chi aveva osato non contribuire. Per evitare tutto questo la maggior parte degli abitanti del villaggio donava qualcosa ai contadini.
Oggi sono i bambini ad andare di casa in casa a chiedere qualche caramello o dolcetto. I proprietari delle case preparano dolci, biscotti, caramelle, torte monetini e piccoli regali da donare ai bambini mascherati. I bambini suonano alle porte e reciatno la famosa frase: "trick-or-treat" ? Cioè offrite qualcosa (treat) o vi facciamo uno scherzetto (trick) come gli spiriti maligni che doveveno essere invocati dagli antichi Celti.


 CHI E' JACK-O-LANTERN?
La tradizione di Jack deriva molto probabilmente dalla tradizione irlandese. La leggenda dice che un certo Jack, noto come baro, delinquente dedoti al bere, riuscì ad ingannare Satana in persona. Una sera Jack invitò il Diavolo a bere con lui ed il Diavolo accettò. Jack propose una scommessa a Satana: gli disse che non sarebbe più riuscito a scendere da un albero. Satana rise a scuarciagola credendi che Jack fosse pazzo: sicuro di vincere la scommessa accettò. Mentre Satana saliva sull'albero, Jack incise sulla corteccia una croce che impediva al Diavolo di scendere giù. Jack vide che Satana era perduto e quindi avanzò la sua proposta: avrebbe cancellato la croce se lui si fosse impegnato a non tentarlo più. Satana accettò e Jack cancellò la croce come concordato.
Alla sua morte Jack non fu accettato in Paradiso a causa dei suoi numerosi peccati,; non fu però accettato neanche all'Inferno in memoria dello scherzo giocato al Diavolo. Nonostante questo, il Diavolo donò a Jack un tizzone che gli illuminasse la strada. Per far durare la luce del tizzone per il maggior tempo possibile, Jack lo infilò all'interno di una cipolla.
Da allora si narra che vaghi durante la notte di Halloween facendosi luce col tizzone a lui donato da Satana. Da allora Jack fu soprannominato Jack O'Lantern e quando gli irlandese migrarono in America, avendo a disposizione delle grosse zucche, le sostituirono alla cipolla. Carnevale, seppure orientato decisamente verso l'aspetto più oscuro, soprannaturale, della realtà. Ed è proprio per questo che i giovani e giovanissimi adorano tale festività, la quale offre tra l'altro un'ottima occasione per sfogare e trasformare in gioco tutte le paure più o meno coscienti che ribollono nelle profondità della mente.